scrivi al quartier generale LILT

Chi è la Lega contro i Tumori

La Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori (LILT) è un’Associazione senza fini di lucro e di attività sociale, riconosciuta dalla Regione Lombardia, fa parte di un Ente Pubblico su base associativa che opera sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.

La Sezione Provinciale di Milano, fondata nel 1948, opera sul territorio di Milano e Provincia affrontando il problema “cancro” nella sua globalità attraverso molteplici servizi offerti alla popolazione nell’ambito della prevenzione, della diagnosi precoce e dell’assistenza, supportata dall’ausilio di oltre 700 volontari appositamente formati.

Grazie alla collaborazione con scuole, insegnanti e famiglie, LILT è da oltre vent’anni un costante punto di riferimento per la formazione di una nuova generazione di non fumatori.

Lilt non gode di entrate fisse, ma opera solo grazie al contributo economico e personale di tutti i cittadini.

LILT | Sezione Provinciale di Milano | Via Venezian, 1
20133 Milano | Tel: 02 49521 | Fax: 02 26680500
prevenzione@legatumori.mi.it - www.legatumori.mi.it

Per sostenerci

È possibile sostenere le attività educative attraverso un contributo liberale effettuabile nei seguenti modi:

Tramite banca
c/c bancario n°18213
Banca Popolare Commercio & Industria
Agenzia di Milano-Lombardia - Cab 01629 - Viale Lombardia 14/16
IBAN: IT 14 J 05048 01659 000000018213
Causale: DONAZIONE - NOME SCUOLA...
PROGETTO Agenti00sigarette

Tramite posta
c/c postale n° 2279
Intestato a: “Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori”
Via Venezian, 1 - 20133 Milano

Domiciliazione bancaria (RID)
Con prelievo automatico dal proprio conto corrente bancario

CartaSì e American Express
Con versamento telefonico allo 02.49521 o 02.26680712

Destinando il 5x1000
Dell’IRPEF alla nostra Associazione. Basta apporre una firma sui modelli CUD, 730, UNICO e riportare l’indicazione del codice LILT Milano: 80107930150, nella casella riservata a “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale”